venerdì 20 gennaio 2017

Non è possibile d'Amor terreno Amare un pesce se sei farfalla


A volte incontri creature
e anche se di terra
e polvere di nulla si travestono
in loro il cielo scorgi

E le zolle
la primavera d’improvviso abbozzano
e persino il sole
-anche se è notte-
i suoi raggi a festeggiare sulla terra manda

Senti Amore
ma il cuore trema
mentre l’occhio
la salvezza sulla maniglia della porta cerca

Acqua invochi
liquido rimedio
su distese di terra incandescente
e anche al vento aiuto chiedi
affinché le lacrime disperda
e ti renda un’altra volta ancora forte e nuova

Strade parallele
che solo da lontano si carezzano
anime abbracciate sulle punte di un compasso spalancato
languore e realtà
di fuoco e nera pece 
il mio cuore scarabocchiano

Non è possibile
d’amor terreno
Amare un pesce se sei farfalla


tiziana mignosa

ottobreduemilaquattordici

Nessun commento:

Posta un commento